09/07/2008
NUOVE NORME ANTIRICICLAGGIO
Con il Decreto Legge n. 112 pubblicato in data 25.06.2008 sono state modificate alcune norme precedentemente pubblicate ( D.L. 231/07).  
La nuova normativa prevede che è vietato il trasferimento a qualsiasi titolo, tra soggetti diversi, di denaro contante e titoli al portatore per somme pari o superiori a 12.500,00 €.
Il trasferimento di denaro contante, di libretti di deposito bancari o postali o di titoli al portatore tra soggetti diversi è vietato quando il valore dell’operazione, anche se frazionata, è complessivamente pari o superiore a 12.500,00 €.
Il trasferimento potrà essere effettuato per il tramite di banche, istituti di moneta elettronica, Poste Italiane.
In dettaglio:
 
ASSEGNI  BANCARI
Gli assegni bancari o postali, gli assegni circolari emessi dal 25 Giugno 2008 per importi pari o superiori a 12.500,00 € devono indicare la clausola “NON TRASFERIBILE” e il nome e la ragione sociale del beneficiario.
In assenza di tale requisiti, gli assegni potranno essere negoziati e pagati in quanto non presentano irregolarità sotto il profilo civilistico, ma realizzano un’infrazione della normativa antiriciclaggio che le Banche sono tenute a comunicare al Ministero dell’Economia e delle Finanze.
 
ASSEGNI BANCARI IN FORMA LIBERA 
A partire dal 25 Giugno 2008 i carnet di assegni in forma libera devono essere richiesti per iscritto dal Cliente  e potranno essere utilizzati unicamente per importi inferiori ai 12.500,00 € .
La richiesta comporta per il richiedente  l’addebito, per ciascun assegno, di € 1,50 a titolo di imposta di bollo.
 
A partire dal 25 Giugno 2008 l’assegno libero di importo inferiore ai € 12.500,00 potrà essere girato più volte prima di essere presentato per l’incasso ma non è più obbligatorio la presenza del codice fiscale del giratario.
 
 
ASSEGNI BANCARI EMESSI ALL’ORDINE DEL TRAENTE
Gli assegni emessi all’ordine del traente, quelli che riportano le diciture “a me medesimo”, “m.m.”, “a me stesso”, ecc., possono essere girati unicamente per l’incasso ad una banca e/o a Poste Italiane e non potranno essere oggetto di girata a favore di altri.
 
 
CARNET ASSEGNI IN POSSESSO ALLA CLIENTELA AL 30 APRILE 2008
I carnet di assegni, già in possesso della Clientela al 24 Giugno 2008, potranno essere utilizzati fino ad esaurimento, senza il pagamento dell’imposta di bollo di 1,50 euro, ma il loro utilizzo sarà consentito esclusivamente nei limiti della nuova normativa.
 
Pertanto, potranno essere utilizzati:
  • in forma libera e con la firma del girante, per importi inferiori a 12.500,00 €;
  • con la clausola “non trasferibile” e con l’indicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario, per importi pari o superiori a 12.500,00 €.
  ASSEGNI  CIRCOLARI
Anche gli Assegni Circolari sono soggetti alla nuova normativa dettata dal DL 231/2007. Pertanto, tutti gli Assegni Circolari che saranno emessi dal 25 Giugno 2008 dovranno recare la clausola NON TRASFERIBILE se di importo pari o superiore a € 12.500,00.
Le implementazioni alla procedura che la nostra Banca utilizza per l’emissione di Assegni Circolari riguardano:
 
  1. apposizione della clausola  “Non Trasferibile” per assegni di importo pari a € 12.500,00 o superiore;
  2. non apposizione, su espressa richiesta scritta del cliente, della clausola per assegni di importo inferiore ad € 12.500,00 
  3. addebito imposta di bollo per “Assegni Circolari Trasferibili” (€ 1,50 per ogni assegno di importo inferiore a € 12.500,00).
 LIBRETTI  DI RISPARMIO AL PORTATORE
A partire dal 25 Giugno 2008 non sarà più possibile aprire libretti al portatore per un importo pari o superiore a 12.500,00 €.
Nel caso in cui il Cliente trasferisca il proprio libretto a terzi dovrà comunicare alla banca, entro 30 giorni dal trasferimento, i dati identificativi della persona a cui il libretto è stato ceduto e la data in cui è stata effettuata la cessione.
I libretti al portatore che al 25 Giugno 2008 presentano un saldo pari o superiore a 12.500,00 €, dovranno essere regolarizzati entro il 30 giugno 2009, secondo una delle seguenti modalità:
  • estinzione del libretto con incasso della somma;
  • prelevamento della somma in eccedenza fino a raggiungere un importo complessivo inferiore a 12.500,00 €.
 

 

 
 
 
 
Area prodotti-iniziative
EASY4
BE YOUNG BE EASY

EASY4STUDY NUOVO